SHARE

Decima vittoria stagionale su quindici partite disputate nel girone B del campionato di Eccellenza regionale per la Viterbese femminile, che col 3-2 sulla Lodigiani aggancia il Frosinone alla seconda piazza in classifica (ciociare sconfitte 4-2 dal Cassino). Un successo che tutta la squadra e la società vuole dedicare a Rebecca Ferrari e alla sua famiglia per la scomparsa del nonno.

I gol tutti nel primo tempo, col le gialloblu che si portano sul 3-0 dopo 27′ grazie alle reti di Giudici, Palescandolo e D’Alba, con quest’ultima che poco prima della mezzora di gioco ha avuto l’opportunità di firmare il poker su calcio di rigore ma ha colpito la traversa. La Lodigiani riapre la partita prima dell’intervallo grazie a due calci di punizione, ma nella ripresa la Viterbese controlla la partita e lascia pochissimo spazio alle avversarie, che si presentano in zona offensiva solamente nel finale di partita. Da registrare l’infortunio al ginocchio per il capitano Veronica Di Cerbo nel finale del primo tempo, la cui entità sarà valutata nelle prossime ore attraverso gli esami strumentali.

Un successo, anche se di misura, che lascia soddisfatto mister Edoardo Artistico: «Certo che trovarsi dopo neanche trenta minuti sul 3-0 e con un rigore a favore e chiudere la prima frazione di gioco sul 3-2 non mi è piaciuto, e nell’intervallo ho cercato di calmare le ragazze per evitare che andassero in difficoltà psicologica nella ripresa, magari immaginando l’assalto della Lodigiani che poi effettivamente non c’è stato. Per merito nostro però: la squadra ha mostrato grande maturità nel saper gestire una partita che si era complicata in modo inaspettato». Nella ripresa le Leonesse avrebbero potuto allargare il margine, ma un paio di ottimi interventi del portiere ospite e il palo hanno detto no: «Stavolta più che recriminare per la nostra poca precisione sottoporta, vanno fatti i complimenti all’estremo difensore della Lodigiani perché ha tenuto a galla la sua squadra, però nel secondo tempo abbiamo giocato solo noi stabilmente nella loro metà campo, facendo anche diverse belle giocate che avevamo provato in settimana in allenamento. E questa è una grossa soddisfazione per un allenatore perché significa che la squadra assimila i concetti che vengono loro proposti». Ora che il secondo posto è stato agganciato, e le ultime tre gare di campionato recitano Cassino, Frosinone e Velletri, con la prima e l’ultima in casa: «Avevo detto prima della gara che con quattro vittorie avremmo sicuramente chiuso al secondo posto. Abbiamo fatto il primo passo, da domani cominceremo a pensare al Cassino che con la vittoria di oggi si è assicurato il primo posto. Vogliamo assolutamente prenderci la rivincita per la gara d’andata e proseguire nel nostro cammino e chiudere conquistando un risultato davvero di grande prestigio».